www.RADIONDISTICS.com

 

 
Nuclear? No, thanks! - Nucleare? No, grazie!
 

Planning a trip to Sicily?  Then, make sure you won't be feeding the Mafia!

Pizzo-free travel - brought to you by the ADDIO PIZZO's guys
Home   English version   Prodotti Scientifici   Prodotti per le Radiocomunicazioni   Contattaci    

Se hai un interesse scientifico in materia di fisica della radio, visiona questo sito internet nell'ordine consigliato!

 

I trasduttori radio-elettrici, meglio noti come antenne radio, alla luce delle nuove scoperte.

di Francesco Errante

In fisica, col termine di "trasduttori" si definiscono tutti quei dispositivi capaci di trasformare una forma di energia in un'altra. Nella trasformazione operata dai trasduttori, generalmente, si passa da una forma di energia ordinata ad una disordinata e viceversa. Ad esempio: altoparlanti e microfoni sono trasduttori elettro-meccanici. Essi, infatti, trasformano energia elettrica in vibrazioni meccaniche e viceversa. Le antenne radio sono, invece, dei "trasduttori radio-elettrici", queste trasformano energia elettrica a radio frequenza in radiazione hertziana (radio-onde) e viceversa.
La comprensione del funzionamento dei trasduttori radio-elettrici, a differenza di quanto avvega con altri trasduttori, non e' intuitiva. Cio' perche' essi non hanno parti meccaniche in movimento e le loro "vibrazioni" non sono direttamente percepibili dal corpo umano. A dire il vero, in determinate condizioni (frequenza, potenza e distanza dalla fonte), il corpo umano puo' avvertire alcuni degli effetti della radiazione hertziana, sotto forma di una sensazione di calore distribuito o di una scottatura localizzata, ma questo non e' stato sufficiente a permetterci di individuare il reale meccanismo all'origine del fenomeno delle onde radio.
Per oltre un secolo, ovvero, da quando Heinrich Hertz dimostro' l'esistenza dei fenomeni radio-elettrici, la loro descrizione "scientifica" si e' limitata ai soli tentativi di rappresentazione teorico-matematica. Nell'anno 2003, l'Autore ha permesso di fare, letteralmente e definitivamente, luce sul vero meccanismo all'origine della radiazione hertziana, mediante l'impiego di un suo particolare sistema rivelatore che sfrutta la radioluminescenza, un ulteriore fenomeno fisico di trasformazione energetica.
Storicamente i trasduttori radio-elettrici sono stati distinti in due principali tipi: quelli bilanciati e quelli sbilanciati.
Alla luce di quanto dimostrato dall'Autore, la distinzione deve invece essere riordinata tra due categorie: i trasduttori radio-elettrici "elementari " e quelli "non elementari ".
(dicesi trasduttore radio-elettrico elementare un trasduttore radio-elettrico nella quale la condizione di risonanza ed irradiazione non puó verificarsi se non in presenza di tutte le sue parti)
I trasduttori radio-elettrici elementari sono quelli monopolari (antenne sbilanciate), mentre quelli NON-elementari sono quelli dipolari (antenne bilanciate). Entrambi le categorie di trasduttori possono presentarsi come circuiti aperti oppure chiusi, detti loops. Va precisato che la dicitura "ripiegato" riferendosi a circuiti chiusi e' impropria, cio' perche' in radiotecnica e' possibile avere anche delle antenne ripiegate ma elettricamente aperte.
I trasduttori dipolari possono essere del tipo dipolo aperto oppure del tipo chiuso, detto impropriamente "dipolo ripiegato" ma comunque capostipite dei loops. Il dipolo ripiegato e', come dimostrato, riconducibile a due monopoli chiusi alimentati in controfase e coincidenti tra di loro. Questo vale anche per i loops aventi qualsiasi geometria (circolare, delta-loop, poligonale etc.).
Tutti i trasduttori radio-elettrici NON-elementari (trasduttori bilanciati) sono sempre riconducibili a combinazioni di sistemi elementari (trasduttori sbilanciati) in controfase tra di loro. L'incorretto spaziamento tra sorgenti elementari appartenenti allo stesso sistema da' origine a sistemi auto-antagonisti a tutto discapito del guadagno d'antenna.

 

 

 

Tutti i concetti, metodi, disegni e dispositivi presentati in questo sito internet
sono opere originali di FRANCESCO ERRANTE.
Brevetti & Copyright © 2003- of FRANCESCO ERRANTE.

Questo materiale č protetto dalle leggi sul Diritto d'Autore e sulla proprietį intellettuale.
Riproduzione, anche parziale, consentita solo previo consenso scritto dell'Autore.
La detenzione e l'uso di questi documenti, ottenuti mediante qualsiasi mezzo sia esso elettronico, informatico, telematico, fotografico o meccanico č consentito esclusivamente per uso personale.
Tutti i diritti riservati.

Fondamenti teorici di radio-ingegneria, radiotecnica, radio-fisica, pratica, applicazioni pratiche, tecnologia, progetti d'antenna, progettazione avanzata di antenne, antenne HF, pubblicazioni scientifiche, pubblicazioni tecniche, fisica, scienze, onde radio, onde hertziane, radiazioni, radiazione hertziana, diagramma d'irradiazione, accoppiamento d'antenna, alimentazione d'antenna, ros antenna, tecnologia antenne radio, trasmittenti, riceventi, aerei, balun, trasformatori, RF, radio frequenza, terra virtuale, fenomeni elettromagnetici, fenomeno radioelettrico, studio, studi, esperimenti radioelettrici, portale, ricerca scientifica di base, ricerche applicate,propagazione ionosferica,trans-ionosferica,HF,onde corte, radiocomunicazioni

 


All rights reserved. Copyright © 2003- Francesco Errante
www.Radiondistics.com - Tel.(+39) 339.180.1313